MAGSTAT

 HOME PAGE  Chi siamo  Servizi  Recruiting  Indagini  Stampa  Contatti

MILANO FINANZA

 

Milano Finanza
Numero 144, pag. 26 del 24/7/2010
Autore: Paola Valentini

La carica delle private bank estere in Italia


Diminuisce il numero di private bank estere attive in Italia, ma aumentano i loro asset in gestione. L'effetto combinato dello scudo fiscale e della crisi dei mercati ha ridisegnato la mappa degli istituti internazionali operativi nel mercato tricolore. Emerge dall'analisi annuale condotta da Magstat che ha appena pubblicato l'indagine 2010 sul private banking italiano. Che ha censito 34 banche straniere in Italia, quattro in meno rispetto alle 38 del 2008 e cinque in meno dalle 39 del 2007, anno in cui, grazie anche a mercati ancora favorevoli, il numero di operatori esteri specializzati nella gestione dei Paperoni aveva toccato l'apice. Le principali uscite nel 2009 sono state quelle di Fortis bank (passata a Bnl Bnp Paribas) e Citi private bank, chiusa. Mentre la più importante entrata nel 2009 è stata quella dell'elvetica Banca del Sempione che ha rilevato il 52,1% di Lmf & Partners sim. Queste banche d'affari straniere custodiscono 101,6 miliardi di euro pari al 18,2% del mercato servito e hanno 1.237 private bankers. Sottolinea Marco Mazzoni di Magstat: «Nel 2009, il mercato italiano del private banking ha messo a segno un pronto recupero dopo la forte frenata del 2008 (-111 miliardi). Il patrimonio detenuto dagli operatori specializzati è passato da 504 miliardi di fine 2008 a 559 miliardi di fine 2009, 55 miliardi in più in gran parte dovuti ai capitali rientrati con lo scudo fiscale». In termini assoluti sono state le banche straniere ad aver aumentato maggiormente i patrimoni dai 79,8 miliardi di fine 2008 (+21,8 miliardi). Nel dettaglio gli operatori esteri che nel 2009 hanno incrementato di più le masse sono stati Ubs Italia (+9,1 miliardi), Credit Suisse Italy (+5,3 miliardi), Bnl Bnp Paribas (+2,2 miliardi). Con lo scudo fiscale, che nel 2009 ha fatto rientrare 95 miliardi, Ubs ha raccolto 9 miliardi.
Prosegue Mazzoni: «A fine 2009 Ubs Italia ha raggiunto 24,182 miliardi e svetta solitario in testa alla classifica degli stranieri. Ma domina anche la classifica generale degli incrementi annuali con il maggior incremento delle masse nel 2009». (riproduzione riservata)
 


 

Magstat Consulting S.r.l. Via Monte Grappa, 3 - 40121 Bologna - Italy