MAGSTAT

 HOME PAGE  Chi siamo  Servizi  Recruiting  Indagini  Stampa  Contatti

Il Corriere della Sera - 22 settembre 2014
 
Le proposte di Credit Suisse, Unicredit, Adecco, Ubi
 

Le banche cercano 150 supergestori

Mancano figure di private banker per i patrimoni più elevati

di Donatella Giampietro
 

Se il sistema bancario italiano attraversa un periodo difficile, con redditività in calo e alti costi strutturali, l’industria del risparmio gestito se la passa benissimo e, in particolare, le reti di promozione finanziaria. Ci sono ristrutturazioni profonde, normativa più rigida è vero, ma il mondo dei private banker scoppia di salute. Ma chi è questo speciale relationship manager del settore creditizio?

«Sicuramente un commerciale, con profonda conoscenza dei mercati finanziari, che fornisce ai clienti facoltosi supporto personalizzato per la gestione patrimoniale », riassume Marco Mazzoni, alla guida dello Studio Magstat, specializzato in consulenza e ricerca di personale nel settore bancario. Alcuni banker si formano nel retail, sono stati direttori di filiale o addetti ai titoli, altri nell’asset management (portfolio manager o direttore investimenti), altri ancora nel corporate finance. Non mancano poi ex consulenti aziendali e revisori, ma qualunque sia il retroterra culturale è indispensabile conoscere alla perfezione finanza, prodotti e magari materie complementari, come l’ottimizzazione fiscale, la consulenza in opere d’arte, in materia di successioni ereditarie e nel settore immobiliare.

Sul fronte impiego, fra i player con un piano di reclutamento attivo citiamo Credit Suisse (20 opening con expertise), UniCredit Private Banking (100 persone nell’arco di un programma quinquennale di espansione), Banca Albertini Syz & C. (6 vacancy in Emilia). E proprio il recruiting sta stimolando positivamente il segmento, favorendo la mobilità del personale sia fra le banche classiche», sia verso le reti di promotori (Monster.it pubblica mediamente ogni mese circa 250 annunci, mentre Adecco ne ha al momento attivi una quindicina).

I private banker si spostano dunque sia per incontrare maggiore autonomia operativa sia per condizioni economiche più favorevoli, visto che la crisi ha limato i benefit. Così spesso approdano alle divisioni «wealth», che man mano vengono create dai principali istituti per allettare i «paperoni », con offerte sempre più articolate. In ogni caso, il professionista dovrà esibire, in sede di colloquio, i soft-skill che gli consentiranno una volta assunto di ampliare il proprio network e muoversi con disinvoltura in ambienti elitari. «Infine, oltre alle capacità relazionali, alle competenze tecniche e al continuo aggiornamento », spiega Alessandro Alessandrini, Branch manager di Ubi Banca Private Investment, che ha 20 posizioni aperte su Roma, «i nostri uomini devono avere un notevole spessore morale, perché le persone vengono prima dei portafogli».

20 Private banker esperti cercati da Credit Suisse

100 Professionisti che Unicredit Private Banking vuole reclutare

6 Posti come private banker per Banca Albertini Syz in Emilia
 

Magstat Consulting S.r.l. Via Monte Grappa, 3 - 40121 Bologna - Italy