MAGSTAT                                                   

 
HOME PAGE  Chi siamo  Servizi  Recruiting  Indagini  Stampa  Contatti

FOCUS RISPARMIO 5 novembre 2021

   

Il private banking corre anche grazie ai family office

DI CHIARA SANTILLI

   

Nel 2020 erano 287 operatori e oltre 18 mila private banker, con 1.100 miliardi in gestione. Sempre più numerosi i family officer, che hanno in media i portafogli più pesanti. I numeri Magstat

Numeri così vorrebbe averli qualsiasi azienda. La grande industria del private banking italiano diventa sempre più grande e ogni anno aggiorna al rialzo il suo bilancio, forte di clienti, masse e professionisti in costante aumento. A fine 2020, secondo quanto certifica la consueta indagine annuale di Magstat, si contavano infatti 287 operatori e 18.016 private banker per un totale di 1,68 milioni di clienti. Il tutto per 1.100 miliardi di patrimonio in gestione, con un mercato potenziale che, sempre stando alla società di ricerca, tocca quota 1.200 miliardi.

Confermata anche quest’anno la forte concentrazione del mercato tricolore, con i primi tre grandi gruppi in classifica a fare la parte del leone: il 34% delle risorse è in mano a Fideuram Ispb, UniCredit e Banca Generali. Fuori dal podio, Ubi Banca e Bnp Paribas: con loro la top five chiude al 41% delle risorse totali. A completare la classifica dei primi dieci gruppi, che pesa per oltre il 56%, FinecoBank, Credem, Deutsche Bank, Banco Bpm e Ubs.

I family office non conoscono crisi

Entrando nel dettaglio dell’indagine, colpisce soprattutto il grande dinamismo dei family office: 163 a dicembre scorso, venti in più rispetto al 2019, con masse in consulenza per 86,4 miliardi. A questi fanno capo 736 family officer che si occupano di oltre 27.737 clienti e soprattutto di un portafoglio in media decisamente più ricco di quello in gestione a un private banker. Se infatti, i family office rappresentano appena l’8% della torta del private banking, secondo Magstat un professionista gestisce in media 117 milioni, più del doppio dei 56 milioni di un collega ‘bancario’.

A livello geografico è il Nord la culla del settore: qui si trova infatti la maggior parte dei 243 uffici dedicati. Milano la fa da padrona con 96 strutture, seguita da Tornino con 19. Per trovare Roma bisogna scorrere la classifica e leggere prima il nome di Vicenza.

Gli analisti Magstat, sottolineano poi che ci sono due tipologie di family office. I Single family office che si occupano esclusivamente del patrimonio della famiglia proprietaria e che sono in tutto 48, e i multi-family office, che amministrano invece più patrimoni.

Questi a loro volta possono essere distinti tra quelli che si occupano solo dei soldi delle famiglie azioniste e quelli che invece seguono anche altre famiglie. In genere sono l’evoluzione di una struttura “single” oppure di fatto divisioni a sé stanti all’interno dei servizi di private banking. Spesso però i multi-family office italiani sono nati da professionisti del settore finanziario, legale oppure commercialisti che hanno deciso di fornire servizi personalizzati a pochi clienti molto ricchi.