MAGSTAT

 HOME PAGE  Chi siamo  Servizi  Recruiting  Indagini  Stampa  Contatti

MILANO FINANZA

Numero 128, pag. 43 del 28/6/2008

Autore: di Paola Valentini

 

Un banker maggiordomo

 

Private banking Le boutique d'alta gamma iniziano a offrire servizi specializzati nella gestione del tempo libero dei Paperoni

 

Il tempo, si sa, è denaro e lo è soprattutto per i Paperoni. Top manager, liberi professionisti, imprenditori sono sempre più presi da impegni lavorativi, tanto da trascurare spesso la cura e la gestione del tempo libero. Ma le boutique italiane specializzate nelle gestioni d'alta gamma hanno subito fiutato l'affare e di recente hanno iniziato a proporre, accanto alla più tradizionale gestione finanziaria dei patrimoni, anche servizi di personal concierge, un mercato già sviluppato in Francia e in Inghilterra e che in Italia è agli albori, ma può contare oltre 190 mila potenziali clienti, secondo un recente studio di Magstat, società bolognese di consulenza al private banking. «Il personale concierge è un mix tra una una segretaria personale, un'agenzia di viaggio, un consulente d'immagine, un personal shopper ed altro ancora», spiega Marco Mazzoni di Magstat. E sottolinea ancora Mazzoni: «Il personal concierge aiuta a risolvere svariati problemi organizzativi, offre una serie di privilegi esclusivi (dai viaggi allo shopping, ad eventi) pensati per rendere più piacevole la giornata e il tempo libero, servizi di life style che vanno dai servizi alla persona, trasporti, abitazioni, ristorazione, ed è in grado di realizzare in poco tempo per la propria clientela facoltosa tutti i sogni, anche quelli più incredibili».

Scelte per tutti i gusti. Le private bank italiane hanno a disposizione due strumenti per assistere nella vita privata il proprio cliente vip. «Da un lato sono state ideate delle carte che offrono ai clienti più esclusivi un'assistenza virtuale 24 ore su 24, oppure per rendere il servizio più personalizzato, alcune banche hanno siglato accordi con alcune società leader nel settore in Italia e nel mondo», commenta ancora Mazzoni. Tra le prime ci sono per esempio la Visa infinite di Unicredit private banking. Deutsche private bank offre invece la carta Black di MasterCard, ed è nera anche la carta Kalìa di Ubi private bank: negli Usa le carte nere sono un vero e proprio status symbol e segnalano la ricchezza di chi le possiede. Sempre Deutsche bank offre ai clienti della divisione private wealth management dedicata ai patrimoni superiori ai 2 milioni di euro, la carta Bank Americard con servizio di concierge gratuito. Mentre Mps propone Sint.e il Credit Suisse ha in gamma Assist. Prima Fila carta platino e Platino extra è dedicata invece ai clienti di Banca Mediolanum private banking.

Se le carte di credito offrono servizi pressochè simili a tutti i clienti, le società che di mestiere fanno il personal concierge propongono un'offerta tagliata su misura delle esigenze del cliente e di solito si basano su una carta prepagata di lusso (i tagli partono da qualche migliaia di euro) dalla quale vengono scalati punti ogni volta che si utilizza un servizio. Tra i nomi più noti c'è Quintessentially che ha sede a Londra, 35 uffici sparsi per il mondo. Di recente ha aperto un ufficio anche a Milano ed è presieduta da Daniela Santanchè, socio di maggioranza insieme a Flavio Briatore. Altra realtà molto attiva è Exclu, sempre basata a Milano dove occupa oltre 20 professionisti. È guidata dall'ad Aldo Sansone, e dal presidente Carlo Rivetti e il chief operations & finance officer è Alfredo Romano. Exclu punta a una penetrazione di mercato pari al 2,4% nel giro di quattro anni. Per prepararsi a realizzare questo obiettivo ha già investito oltre due milioni di euro e ha destinato oltre 700 mila euro a realizzare la piattaforma tecnologica e ha acquisito un solido know-how dalla britannica Ten, una delle principali aziende internazionali. Tra i suoi clienti c'è oggi Intesa Sanpaolo private banking.

Club esclusivi. «In quasi tutti i casi occorre sottoscrivere un abbonamento annuale che permette di entrare a far parte di un club esclusivo. La spesa lievita in funzione della personalizzazione e delle esigenze del cliente», racconta Mazzoni. La Elation di Verona prevede per esempio l'acquisto on-line di pacchetti di regali/servizi già testati sulla clientela. Al prezzo di 1.500 euro è previsto anche un servizio di concierge. Sulla stessa idea è nato a Milano il sito www.regalipersognare.it. Sta aprendo diversi uffici in Italia il rinomato Circle Club: un esclusivo club costituito nel giungo del 2005 da Riccardo Schmid (imprenditore svizzero che fece fortuna negli anni 80 con il Pony Express) per soddisfare i sogni degli appassionati di auto e rendere usufruibili beni di lusso senza l'obbligo di possederli. Così, tramite una tessera punti annuale, i suoi membri hanno possibilità di prendere in affitto limousine e macchine di lusso, noleggiare uno yacht o un jet privato, elicotteri, barche, ville o chalet ed opere d'arte. Tra i clienti Cariparma private banking. La tessera base per associarsi costa 20 mila euro all'anno e si ha diritto a una tessera con mille punti a scalare. Ma esistono anche la Silver card del valore di 50 mila euro (2.500 punti) la Gold da 100 mila euro (5 mila punti) e la Platinium da 150 mila euro (7.500 punti). Ha 3 sedi Milano, Roma e Napoli e aprirà a Padova, Bologna, Brescia e Firenze. I soci sono già circa 200. Per gli amanti dei capolavori artistici, il club mette a disposizione anche una collezione d'arte. È possibile avere nella propria sala da pranzo, in occasione di una cena importante, un Rubens o un Canaletto.

Alter ego per top manager. Un po' diverso è il caso di The substitute, società milanese fondata da Daria Perez, specializzata nell'offrire tutta una serie di servizi pratici, che però oggi spesso diventano un lusso per i top manager troppo impegnati durante la giornata. Dall'espletamento di pratiche burocratiche alla ricerca della baby sitter più affidabile o del falegname più abile, fino alla gestione dei contatti con l'agenzia immobiliare per la ricerca della casa dei sogni, il listino di The substitute comprende oggi oltre 40 servizi. «La nostra carta prepagata è un abbonamento annuale che proponiamo alle aziende come benefit per i loro dipendenti», spiega la Perez, «ma abbiamo anche un 20% di clientela privata alla quale offriamo servizi personalizzati». (riproduzione riservata)

Magstat Consulting S.r.l. Via Monte Grappa, 3 - 40121 Bologna - Italy