MAGSTAT

 HOME PAGE  Chi siamo  Servizi  Recruiting  Indagini  Stampa  Contatti

La Repubblica - Affari & Finanza

La passione guida gli investimenti nel mondo dell'arte

Acquistare un quadro di prestigio può rivelarsi un buon investimento in alternativa ad azioni e titoli di Stato. E, perché no, un biglietto da visita di tutto riguardo da mettere in bella mostra all' ingresso dell' azienda o dello studio professionale. Si spiega così l' interesse crescente del private banking verso i prodotti d' arte, dai quadri contemporanei alle installazioni, fino alle fotografie che hanno fatto la storia e ai prodotti a edizione limitata. Secondo uno studio di Art Investments, il mercato dell' arte italiano negli ultimi dieci anni è cresciuto del 57%, superando i 150 miliardi di euro. L' Italia è il paese dell' arte per eccellenza: ci sono centinaia di famiglie che possiedono già una ricca collezione ottenuta in eredità e alcune di loro si sono attivate negli ultimi anni per rimpolpare il patrimonio. Eppure qualche timore di una frenata c' era stato, all' inizio di novembre, quando l' asta organizzata da Sotheby' s per vendere "I campi di grano" di Vincent Van Gogh era fallita. Ma gli eventi successivi hanno scongiurato il pericolo: a New York nei giorni scorsi è stato battuto il ritratto di Liz Taylor, dipinto da Andy Warhol nel 1963, al prezzo di 23,7 milioni di dollari e anche le ultime operazioni compiute a Milano hanno confermato il buono stato di salute del settore. Quello in arte è solitamente un investimento a lungo termine: il cliente in genere lo fa per diversificare rispetto alle asset class tradizionali e puntare a una rivalutazione negli anni. Secondo una ricerca condotta dallo Studio Magstat di Bologna, la diversificazione del rischio e i vantaggi fiscali sono i principali motivi che incentivano un numero crescente di persone. Non esistono, infatti, tasse sulle plusvalenze derivanti dalla compravendita di opere d' arte, che non devono essere denunciate nella dichiarazione dei redditi. Il mercato dell' arte impegna in Italia tra il 5 e il 10% degli investimenti di privati. In genere si tratta di ricchi portafogli, che girano il mondo a caccia di occasioni e hanno grandi competenze nel settore. Per il private banking crescono, così, le opportunità di consulenza personalizzata. I clienti ricevono cataloghi aggiornati sui prodotti all' asta, vengono consigliati sull' andamento dei mercati e in alcuni casi possono usufruire di intermediari che si occupano direttamente di seguire l' asta e lanciare le offerte secondo quanto concordato in precedenza. A sentire gli advisor, si tratta di un investimento comunque atipico, che non può prescindere dal gusto personale: insomma si consigliano opere che piacciono al cliente e non solo quelli destinati a rivalutarsi nel tempo. Il Laboratorio specifico di Nomisma segnala che i prezzi medi di opere di arte moderna e contemporanea sono cresciuti negli ultimi dodici mesi, sia nella minor qualità raggiungendo i 3.703 euro (+4,2%), sia nella maggior qualità, a 53.989 euro (+5,8%). Anche il valore più compravenduto è salito, arrivando a 27.325 euro (+ 9%). Il tutto in un periodo non proprio florido per chi invece ha puntato sulla Borsa o sull' immobiliare. Ottimismo è stato espresso dagli operatori anche in merito ai prossimi dodici mesi, con il 53,9% degli intervistati che si attende un aumento degli scambi e il 63,2% che prevede prezzi in crescita. Man mano che cresce il mercato, cala anche l' età media degli operatori, con una crescita sostenuta della fascia dei 3045 enni. (l. d. o.)

Magstat Consulting S.r.l. Via Monte Grappa, 3 - 40121 Bologna - Italy