MAGSTAT

 HOME PAGE  Chi siamo  Servizi  Recruiting  Indagini  Stampa  Contatti

LA REPUBBLICA AFFARI & FINANZA 14 DICEMBRE 2009

Fideuram, Azimut e il risiko delle reti in pieno boom dei reclutamenti

dell' olio Milano Una appartiene a uno dei principali gruppi finanziari italiani, è strutturata con tre livelli di responsabilità ed è da tempo al centro di voci su una possibile cessione o quotazione in Borsa. L' altra è una struttura indipendente, con un' organizzazione piatta e con i promotori e gestori che sono anche azionisti della società. Fideuram e Azimut hanno scelto strade molto diverse per svilupparsi, ma entrambe hanno centrato l' obiettivo di presidiare da protagonisti il mercato del private banking. Secondo l' ultimo rapporto stilato dallo Studio Magstat, in due controllano il 91,6% del mercato dei Paperoni in mano alle reti italiane di promozione finanziaria. «Fideuram e Azimut sono tra le pochissime reti in Italia a essersi dotate di una struttura private con la propria visibilità - commenta Marco Mazzoni, direttore di Magstat - e questo spiega il loro ruolo dominante nel settore». Fideuram, che fa parte del gruppo Intesa SanPaolo, gestisce complessivamente masse di investimenti per 65 miliardi di euro, di cui 26 miliardi nel segmento private (con circa 20mila clienti). «La rete è costruita su tre livelli di responsabilità gestionale», aggiunge Mazzoni. Lo sviluppo della service line private sta avvenendo in varie direzioni: «Il rapporto con il cliente è gestito direttamente dal promotore, che può avvalersi del supporto fornito dai centri private che stiamo aprendo nelle principali città italiane», spiega il responsabile private Gianmaria Mossa. L' ultima in ordine è stata Milano, dove il 30 novembre è diventata operativa la sede in corso di Porta Romana. «In questi centri sono presenti i portfolio advisor, consulenti con competenze trasversali che offrono consigli sia di natura finanziaria, che relativi alla fiscalità e alla finanza d' impresa, ad aspetti successori e a investimenti immobiliari». Una strategia che passa anche attraverso una campagna di reclutamento sul fronte dei consulenti e dei promotori, in corso da diversi mesi. «Il segmento private continua a crescere in termini di clienti e masse gestite e questo impone un rafforzamento progressivo del team e degli strumenti di lavoro, soprattutto quelli di calcolo e i programmi informatici», aggiunge Mossa. Oltre ai promotori e ai consulenti di portafoglio, la struttura di Fideuram prevede gli specialisti di prodotto, il cui compito è mettere a punto soluzioni personalizzate per ciascun cliente, dal private insurance (combinazioni di polizze che hanno lo scopo principale di preservare il patrimonio dai potenziali rischi che possono coinvolgere la loro sfera personale e familiare) agli strumenti di investimento in titoli azionari, immobili e così via. Fideuram è da tempo al centro di voci contrastanti sul suo futuro. Di certo si sa soltanto che Intesa SanPaolo vorrebbe quanto meno alleggerire la sua partecipazione. In autunno si è parlato a lungo di una possibile cessione a Exor, finanziaria della famiglia Agnelli, ma nelle ultime settimane questa ipotesi sembra essersi raffreddata. Così ha preso quota l' ipotesi di una quotazione in Borsa, suffragata dallo stesso Corrado Passera, amministratore delegato del gruppo. Una soluzione che consentirebbe a Intesa SanPaolo di rafforzare il patrimonio, esigenza quanto mai sentita in questo periodo di incertezza economica, senza tuttavia uscire dal business. «Fino a quando Fideuram resta nel gruppo, questo rappresenta comunque un valore aggiunto sia in termini di prestigio, che di varietà dei prodotti che possono essere proposti alla clientela», osserva Mazzoni. Molto differente è la strada scelta da Azimut, che ha puntato sull' indipendenza rispetto ai grandi gruppi finanziari italiani e che può contare su una rete di promotori e gestori che sono anche azionisti della società. «Un' organizzazione che rende ardua, se non impossibile, l' ipotesi di un take over da parte di un eventuale compratore», annota ancora Mazzoni. Quotata a Piazza Affari dal 2004 (questo è un altro elemento differenziale rispetto a Fideuram), Azimut punta a raddoppiare le masse in portafoglio (oggi 14 miliardi, di cui 7,6 miliardi nel segmento private, con 4.500 clienti tra i ricchi portafogli) entro cinque anni. La società, che si avvia a una chiusura del 2009 con un utile intorno ai 100 milioni di euro, ha da poco annunciato la nascita di una nuova divisione - Azimut Wealth Management - guidata da Paolo Martini, già responsabile formazione e marketing del gruppo. La nuova divisione opera su tutte le reti del Gruppo, vale a dire Azimut Consulenza, Az Investimenti e Apogeo. «Essendo imprenditori di noi stessi», spiega Martini, «siamo allineati con le esigenze della clientela. Pertanto rifiutiamo la logica di breve termine imposta a molti gruppi finanziari e di conseguenza non proponiamo mai prodotti poco trasparenti come gli strutturati», aggiunge rivendicando che il gruppo non è stato coinvolto in nessuno degli scandali che hanno colpito il mondo finanziario negli ultimi anni. «Buona parte dello stock option può essere esercitata solo al compimento dei 65 anni e questo contribuisce a dare solidità al gruppo e a ridurre il turn over». A livello organizzativo Azimut ha una struttura piatta, con i ruoli operativi che fanno capo direttamente al vertice, con Pietro Giuliani a ricoprire la carica di presidente del gruppo. Questa struttura è un elemento di attrazione per nuove risorse, che possono così contare su remunerazione mediamente più alte del mercato. Tanto che la campagna di recruiting messa a punto dal management è destinata a durare ancora a lungo. -
LUIGI DELL' OLIO


 

Magstat Consulting S.r.l. Via Monte Grappa, 3 - 40121 Bologna - Italy